martedì 28 giugno 2016

Una serata d'estate a Firenze al Grand Hotel Minerva: aperitivo con panorama!

Cosa non dovete assolutamente perdervi a Firenze? Un aperitivo su una delle terrazze con vista più belle, quella del Grand Hotel Minerva in piazza Santa Maria Novella.
terrazza hotel minerva firenze aperitivo
A chi viene a Firenze per la prima volta, ma in generale anche a chi ci ritorna, consiglio sempre una cosa prima di ogni altra, prima ancora di indicare un ristorante dove mangiare una buona fiorentina (me lo chiedono sempre! E io inizio col dire che a Firenze si chiama bistecca... e basta!) o dare quei 2/3 suggerimenti per vivere la città like a local, come è figo dire da qualche anno: vedere la città dall'alto!

venerdì 24 giugno 2016

Rive Vive, una passeggiata enogastronomica sulle colline del Prosecco

Non è un trekking - anche se la durata stimata è di circa 2 ore e mezzo senza soste e il dislivello di 180 metri - e soprattutto non è una manifestazione qualunque... è Rive Vive, una passeggiata enogastronomica sulle colline meravigliose di Farra di Soligo, in provincia di Treviso! Un appuntamento che si rinnova ogni anno alla fine di maggio e coinvolge migliaia di persone entusiaste (quest'anno c'eravamo anche noi!).
rive vive 2016 marcatrevisoinverde
Ci sono molti modi di vivere un territorio, di scoprirne la bellezza e apprezzarne i suoi frutti. Quello che hanno scelto l'Associazione Vivi le Rive di Farra di Soligo e la Primavera del Prosecco Superiore (promotori e organizzatori di Rive Vive con il patrocinio e la collaborazione della Pro Loco di Soligo, del Comune di Farra di Soligo, della provincia di Treviso e di altri enti) è senza dubbio il più coinvolgente ed efficace:

martedì 21 giugno 2016

In Apecar a Erice, la Sicilia bella! #TheGira #SicilyTour day 4

Nel nostro insolito, avventuroso, originale, unico (e divertentissimo) tour della Sicilia a bordo dell'ape calessino di #TheGira ci siamo fermati per qualche ora anche ad Erice, un bellissimo borgo medievale dell'ovest della Sicilia, a pochi chilometri da Trapani.
erice thegira sicilytour
Lassù a 750 metri d'altezza, adagiata sul cucuzzolo del monte Erice, il panorama della Riserva dello Zingaro e del tratto di costa che arriva a San Vito Lo Capo è sensazionale. Si vedono anche le isole Egadi, le sue saline e la città di Trapani, ma più di tutto ci colpisce il blu intenso del mare e durante la salita ci fermiamo più di una volta, tra un tornante e l'altro, lungo il margine della strada, per riempirci gli occhi di quella "Sicilia bella" che si vede dalla vetta sospesa "tra il mare e il cielo" (quelle virgolettate sono alcune delle parole che Gabriele D'Annunzio aveva utilizzato nei suoi versi dedicati a Erice).

venerdì 17 giugno 2016

Il Molinetto della Croda, l'angolo più scenografico della Marca Trevigiana

Oggi torno virtualmente nella Marca Trevigiana, il nome con cui storicamente viene identificata la provincia di Treviso, per parlare del Molinetto della Croda, nella valle del Lierza. "Ti piace vincere facile eh?", potrebbe dire qualcuno :). In effetti è così. Da tutti è definito uno dei posti più suggestivi del territorio e un rapido sguardo è sufficiente per avere la conferma di quanto sia meritata la sua fama e innamorarsene... 
molinetto croda Refrontolo marcatrevisoinverde
Il "piccolo mulino della roccia" si trova a 2 km dal centro del paesino di Refrontolo (un nome che già di per sé ispira simpatia!), a 6 km da Soligo, 15 km da Conegliano e 38 km da Treviso, giusto per individuare geograficamente la sua posizione. In auto ci si arriva impostando il navigatore su via del Molinetto e appena la strada diventa sterrata, parcheggiate nell'ampio spazio e incamminatevi per un centinaio di metri circa. 

mercoledì 15 giugno 2016

Una domenica a Castelfalfi, borgo immerso nella campagna toscana

A Castelfalfi eravamo già stati qualche anno fa, di passaggio, al ritorno da una scampagnata nella nostra bella Toscana. Ma quello che vedemmo allora fu molto diverso dal quel che si è mostrato a nostri occhi in una domenica di metà maggio...
castelfalfi toscana resort
Correva l'anno... (vabbè, non è importante). In lontananza i tetti spuntavano dalle chiome di un folto gruppo di cipressi e l'effetto era simile ad una pennellata di rosso in un quadro in cui non è stata risparmiata nessuna sfumatura di verde per il paesaggio e di blu per il cielo. Fu una sosta breve. Il paese aveva tutta l'aria di essere stato abbandonato. Un gruppetto di case in pietra, la sagoma di una rocca illuminata dal bagliore del tramonto.

mercoledì 8 giugno 2016

La Città Proibita a Pechino, il foto-racconto di una visita indimenticabile

pechino città proibita
Il quarto e ultimo giorno a Pechino l’abbiamo passato in fila a prendere i biglietti per la visita della Città Proibita... no, scherzo! Ma non del tutto. Dopo un’ora di fila sotto il sole cocente e aver sborsato 60 yuan a testa ci dirigiamo finalmente all’ingresso. Ricordatevi che per prendere i biglietti serve il passaporto, non so il motivo ma portatevelo dietro o non potete entrare!

lunedì 6 giugno 2016

In bici nella Marca Trevigiana fino alle sorgenti del Sile

Un paesaggio dominato dal verde, una bicicletta e un inconfondibile punto di partenza, la Rotonda di Badoere! Andiamo alla scoperta della Marca Trevigiana lungo un percorso ecoturistico adatto a tutti.
villa ca marcello
#MarcaTrevisoinVerde è stato l'hashtag che ha contrassegnato il nostro ultimo weekend di maggio nel Veneto, in mezzo (letteralmente) ai vigneti del Prosecco Superiore Docg e alla natura del territorio trevigiano, quella "Marca" con cui viene indicata la provincia dal XII secolo.

mercoledì 25 maggio 2016

Hammamet non solo mare: la Medina e Dar Sebastian

Hammamet richiama alla mente lunghe spiagge di sabbia dorata e un turismo low cost che per anni ha visto gli italiani in prima fila. Dopo un comprensibile calo provocato dai noti atti terroristici adesso la curva delle prenotazioni sta risalendo, favorita da un clima rasserenato che si avverte su tutta la costa tunisina e dall'immutata bellezza delle località, spesso prese erroneamente in considerazione solo per il mare.
hammamet cosa vedere
Il nostro viaggio in Tunisia è stato caratterizzato da una sequela di sorprese in positivo. Come ho scritto, a Cartagine mi aspettavo di trovare sassi e cartelloni didascalici riempiti di fiumi di parole, invece mi ha stupito con i suoi resti di età romana; il museo del Bardo me lo avevano descritto come una meraviglia e i suoi mosaici si sono rivelati all'altezza della fama; sulla Medina di Hammamet invece non avevo nessuna aspettativa da disilludere o confermare. Semplicemente non avevo idea che fosse così bella.